Menu principale

Ti trovi in:

Home » Comune » Documenti / Dokumentn » Piani e progetti » Attivazione Variante generale

Avviso preliminare di avvio procedura variante generale al Piano Regolatore del Comune di Fierozzo

di Venerdì, 11 Settembre 2015
Immagine decorativa

AVVISO Attivazione Variante generale 

Chiunque sia interessato può presentare proposte a decorrere dall' 11 SETTEMBRE 2015 al 16 OTTOBRE 2015 (compreso).

Le proposte già presentate alla data odierna sono ritenute a tutti gli effetti valide ai fini istruttori di predisposizione della variante e non devono essere ripresentate.

COMUNE DI FIEROZZO PROVINCIA DI TRENTO

GAMOA’ VA VLAROTZ

AVVISO

PRELIMINARE DI AVVIO PROCEDURA

VARIANTE GENERALE AL

PIANO REGOLATORE DEL COMUNE DI FIEROZZO

INFORMAZIONE SUGLI OBIETTIVI DEL PIANO

L’Amministrazione comunale intende procedere alla redazione di una variante generale al vigente Piano Regolatore.

Nell’avviare la fase preliminare all’adozione della variante secondo la procedura di cui all’art. 37 della L.P. 4 agosto 2015 n. 15,

SI RENDE NOTO

che l’Amministrazione intende perseguire i seguenti obiettivi prioritari:

  1. Adeguare la cartografia e le norme tecniche di attuazione in funzione delle disposizioni normative emanate dalla Provincia Autonoma di Trento ed in particolare la L.P. 4 agosto 2015 n. 15 assicurando altresì, contestualmente al procedimento di formazione della variante generale, la valutazione dello strumento urbanistico secondo quanto previsto dalla normativa vigente (VAS/rendicontazione urbanistica);
  2. Effettuare il censimento del patrimonio edilizio tradizionale montano, definendo le modalità per una corretta progettazione degli inteventi e specificando i requisiti per consentirne l’utilizzo in sintonia con la legge urbanistica provinciale;
  3. Procedere alla revisione della pianificazione degli insediamenti storici, anche a carattere sparso;
  4. Digitalizzare il PRG adeguandolo alle specificazioni tecniche e informative stabilite dalla Giunta provinciale per garantire l’uniformità e l’omogeneità degli strumenti di pianificazione territoriale;
  5. Valutare le richieste dei privati compatibilmente con la situazione urbanistica e/o con le norme urbanistiche vigenti sulle aree interessate;
  6. Verificare le esigenze e necessità dell’amministrazione in ordine a servizi e infrastrutture pubbliche;
  7. Adeguare il PRG alla pianificazione di grado sovraordinato ed in particolare al PUP, nonché alla disciplina provinciale del commercio in conformità al piano stralcio del PTC in vigore dal 15 luglio 2015;
  8. Effettuare una verifica orientativa di coerenza del PRG in itinere rispetto ai contenuti del PTC recentemente adottato;
  9. Definire il carico insediativo massimo del territorio e il dimensionamento residenziale.

Chiunque sia interessato può presentare proposte non vincolanti, a fini meramente collaborativi per fornire apporti coerenti con gli obiettivi della variante, a decorrere dal 11 SETTEMBRE 2015 ed entro il 16 OTTOBRE 2015 (compreso), ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 37 comma 1) della L.P. 15/2015. Le proposte già presentate alla data odierna sono ritenute a tutti gli effetti valide ai fini istruttori di predisposizione della variante e non devono essere ripresentate.

Fierozzo, li 11 settembre 2015

IL SINDACO

LUCA MOLTRER